Pagina precedente

Proverbi e detti di Lucoli e dintorni

     

 
A B C D E F G H I J L
M N O P Q R S T U V Z

225 proverbi inseriti

I proverbi inseriti di recente sono evidenziati in verde



A Indice


A chi te' poco pa', no' gli manca 
mai 'ntorno 'nu cane
   
Acqua cheta buon vermi mena
 
Acqua passata no' macena cchj
 
Addo' se canta "ndomminu nubiscu" 
no' manca mai lo pane friscu
  
Agliu meglio amicu, 
arriva sempre la meglio sassata
 
Allamore alla fiamma e agliu vento 
'nci serve j'alimento
 
Alla chiesa chi 'nci p pisci e cac', 
e chi no' 'nci p ice 'nu Padre Nostro
 
Alladdiuni se vete lo vinu comm
 
Aiutate che Ddio t'aiuta
     
A San Sebastianu ju sole a Cornannicola reva'
 
A sciacqu la coccia a j'asinu sprichi tempo e sapo'
 
Attacca j'asinu do' vo' ju padr, e lassa che se 'mpicca

B Indice


Boe pasce e campana sona 
 

C Indice


Caglina che no' becca ha gi beccatu
 
Caglina vecchia fa ju brodo rassu
 
Chi atru no' t colla moglie s'addorme
  
Caglina che no' feta non sempre pollastra
 
Carma merola, 'che la fratta e' futa
   
Casa me tutta nu loco me' remastu letto, cacaturu e foco
 
Cavagliu biastimatu ji luce ju piu
 
Cerca de tir a camp 
che la vecchiaia arriva da sola
 
Chi canta per amor, chi canta a festa
chi canta pe' le fregne che t 'ntesta
   
Chi commanna e fa' da se, sirvitu comme 'nu rre 
   
Chi de cerqua chi de nuci ugnunu porta la cruci
  
Chi non bbono pe' ju rre, non bbono mancu pe' la riggina 
  
Chi disprezza compra 
     
Chi t' ju sospetto t' ju difetto
 
Chi ha tempo, non aspetta tempo
 
Chi maritu non p trov
a Tornimparte se ta' ji a ferma'
       
Chi tantu la tira la strucca
   
Chi se marita e se ne va' alla Foce
segno che co' Cristu non 'ngi sta 'mpace
       
Chi se 'mbrena co' gli quatrani non se figlia
   
Chi troppo 'o gnenti stregne
   
Chi va co ju farzu quartu 
se retrova colla scarza misura
 
Chi se cieca d'amore, 
se crejie solo quelo che vede; 
chi se cieca de odio, 
non se crejie mancu quelo che vede.
 
Chi co' troppi se cunsiglia, moglie mai non piglia
 
Chi se 'nfila a tutti i viculi, va 'n cerca de piriculi
 
Chi prima no' penza, all'urdimu suspira
 
Chi semina vento recoglie tempesta
  
Chi se magna lo fele, no' po' sput lo mele
  
Chi te' paura de prongecasse non coglie le rose
  
Chi va a magna' senza 'nvitu, o male vistu o male sirvitu
 
Chi troppi rabbie manna abballe, 
presto stira l'ognie
  
Chi sparagna spreca
 
Chi nasce caglina 'n-terra ruspa.
 
Chi fa i cunti senza j'oste, ji fa du' 'ote.
 
Chi male somenta, male raccoglie
 
Chi non te testa t'ha' ten bbone zampi
 
Chi pecora se fa ju jupe se-lla magna
 
Chi se coleca co' gli cani se raccoglie i puci.
 
Chi va co' ju cioppo, alla fine 'e j'annu 
o cioppeca o scianchiglia
  
Chi tante ne fa, una n'aspetta
    
Co' ju tempo e co' la paglia se maturanu le sorva
  
Co' le mani 'n mani non se v' lontani
  
Conserva l'odio che l'occasi' no' manca
  
Comm' ju ciocco cusc vesce ju schiappu
 
Comme me suni, ccusci' te ballo 
 
Cosa fatta capu ha
 
Coglie cchj la 'mmidia che le sassata
 
Chi lassa la via vecchia pe' la nova, 
sa quelo che lassa e non s quelo che trova
 
Chi maneggia festeggia
 
Chi caca sotto la neve presto se scopre
 
Chi no' sta attento remane comme don Falicucciu, 
co' 'na mani 'nnanzi 'natra arrete
  
Chi poco sa' presto parla
 
Chi te lo p no t gli jenti, chi t gli jenti non t lo p

Chi t lo mele 'mmani se lecca le veta
 
Chi va pe' da' t port du' sacchi, 
unu pe' dalle, j'atru pe' receve
 
Chi se coleca co' gli quatrani, se rizza 'mbisciatu


Chi va all'appeje va distrattu e non 'nci guarda, 
chi va a cavagliu va de corsa e no' lo vede

Cristu fa' i cristiani e po' j'accoppia, 
fa' le montagne e po' 'ngi fiocca
 

D Indice

Doppo tre brinate o acqua o nivicate 
  

 

F Indice

 
F ju scemo pe' no' ji alla guerra
 
F l'arte te, che se no' t'arricchi te mant 
 
Fatte i fatti t e fa' quelo che te pare
  
Fa' lo bene a j'asini... che p te tiranu le zampate
 
Fa bene e scordatenne,  fa male e penzaci
 
Fatte j'affari t, che se non t'arricchi te mant'
 
Femmone, piccheri e piazza, 
fu degli'ome 'na brutta razza
 
Femmona che scetteca l'anca se non puttana poco 'nci manca

 

G Indice

 

Ges Cristu te manna lo friddu comme t ji panni
 
Gli amici farzi so' comme ji fascioi: parlanu arrete
 
Gli parenti so' comme le scarpi: cchi so' stritti e cchi fau male

Gnenti rappara comme ju tempo

 

 

J Indice

J'asinu pe' capezza, j'ome pe' parola
 
Ji cani tra issi non se mozzecanu
   
Ju cane mozzeca sempre agliu scingiatu

Ji me sparagno mogliema agliu letto, 
j'atri me-sella gudu tra la fratta
 
Ji pe sona' ma revenne sonatu
 
J'occhio degliu padr 'ngrassa ju cavagliu
 
Ju compare e la commare 
puzzu fa' quelo 'e gli pare
 
Ju gioco beglio quanno dura poco
 
Ju jorno 'nnanzi 'nsegna sempre a quiju appresso
   
Ju jupe perde ju piu ma no' ju viziu
 
J'aocieglio senza ni non t' amore, 
j'ome senza famiglia non t' cre
  
J'aocieglio che st 'n gabbia
non canta pe' amore ma pe' rabbia
   
Ju silenzio l'unica cosa de oro 
che non piace alle femmone
 
Ju laru accorta la jornata e allonga lo camp
 
Ju boe isse curnutu a j'asinu e
j'asinu ji respose:  recchio' 
 
Ju peggio surdu quiju che no' v sint
 
Ju peggio cane la meglio cuccia
 
Ju toro bbono se vete co' la vacca scarsa


L Indice
 
L'amore fa balla' pure j'asini
  
La caglina cieca de notte ruspa
  
La femmona onesta se scopre ju culu 
e s'accappa la testa
  
La femmona non se coleca co' j'asinu 
pe' paura che ji strappa le lenzola co' ji ferri
 
La lengua osso no' t, ma osso rompe
 
La mamma pe' ju figliu se gliu leva ju muzzichigliu, 
ju figliu pe' la mamma se ju 'nfila tuttu 'nganna
 
L'erba cattia no' more mai
  
La 'orbe vecchia no' mette 
cchj ju pejie alla tagliola
     
La neve marzulina dalla sera alla matina 
 
La femmona comme ju foco: va sempre tuzzicata
 
La ciccia degliu mem appena calla cotta
 
Le maledizzi' so' comme la crusca, 
chi le manna se l'abbusca
 
Le meglio mela agli peggio porchi
 
La pigrizia fa' presto a trovane 'na scusa
 
La merda cchj la muscini e cchj puzza
 
La moglie che 'o bbene agliu maritu
la sera 'nge-lla fa la cipollata
       
La moglie degliu ladru no' rije sempre
 
La jatta prisciugliosa fece i figli cechi
 
La jatta che no' potte j allo lardu 
isse ch'era rancicu
 
La robba, chi la f, chi la mant e chi la sdirrupa
 
La pecora che fece bh, se perse ju 'occ
 
Le buscie tingu le zampi corte
 
La femmona mostra j'anni che t' 
dopo la colazzi, j'ome, dopo la cena
 
Le femmone che 'iciu lo vero, no' lo 'iciu mai tuttu
 
Le femmone so' la schiuma 'e gliu diauru
 
Lo bbene tra la suocera e la nora 
dura quantu la neve marzaiola
 
Lo ferro se batte quanno cagliu
 
L'occasi fa j'ome ladru e la femmona puttana
 
Lo poco basta e l'assai senne va'
 
La societ bona dispara e 3 so troppi.

 
 

M Indice

Madonna degliu Carminu, massera me sse nn' jita mogliema agliu foco;
se faccio colle mani melle cocio, se faccio colla pala la rabblo;
me sa ch' meglio che la lasso loco.
 
Meglio a laor co' chi non te paga che raggion co' chi non te capisce
 
Meglio 'nu fammucu 'nnanzi a casta, 
che 'na cerascia 'nPuglia
  
Matrimoni e maccaruni, 
solo cagli so' sempre bboni
 
Male non fa' e paura non av
 
Meglio 'n'ovo oji che 'na caglina dom
 
Menestra rescallata no' fu mai bbona
   
Minu parli e cchi azzicchi
 
Merolo' merolo' ngulu me ventra ntesta no
 

N Indice

 
'Na bella cera, cagna ju 'verno co' la primavera
 
'Na cattia compagnia, cunduce sempre a male via
  
'Na cosa non mai 'itta se non capita
 
'N capu agli'annu recordate sempre che 
'gni jornata senza 'na risata 'na jornata sprecata
  
'Nnanzi la morte se a maggiu trona la notte
   
Nibbia agliu Matr acqua a cottor 
    
'Nculu alla fatica isse la frumica, 
gli respose ju roazzu se no' lauri te magni 'stu...
 
Non tutt'oro quelo che reluce
   
Non te fa jabbe che te nasce ju gobbe
 
Non te preoccup che ju porco campa n'anno
  
Non pozzo j alla missa peqqu cioppeco, 
ma accompagneteme alla cantina pianu pianu
 
Non te sta bbono nu zippu 'ncujiu 
 
No' po' nasconne ju foco 
e penz' che non t'abbrusci
 
'Nu padre resce a camp cento figli, 
cento figli no' risciu a camp' 'nu padre
 
'Nu mantu de oro non accappa la vergogna
 

O Indice

 
O triti o spicci l'ara
  
Oce de popolo, oce de Ddio
   
Ogni cottora t' ju coperchio s
 
Ognunu all'arte s e agliu jupe le pecore
 
Ognunu sa lo s e Dio sa tuttu

P Indice

  
Pane co' j'occhi casciu senz'occhi
 
Panza piena non creje agl'affamatu
 
Piu rusciu e cane pezzatu, ammazzaiu appena natu
 
Pure la nuola cchj zica po' nasconne ju sole
 
Prima de 'olane, assicurate de tene' le scienne
 
Porco magru glianna se sogna
  
Pure le mura tingu le recchie
  

Q Indice

 
Quanno a L'Aquila piove, a Luculi m 'ngi f la neve

Quanno l'acqua ve' da su, 'na sfuriata e gnenti cchj, 
quanno l'acqua ve' da jo', curri curri cchj che po'
      
Quanno la caglina canta ju jalle dorme
        
Quanno le nuole vau a Roma piglia la zappa e va a laora', 
quanno le nuole vau alla Puglia piglia la zappa e vatte a cucuglia' 
 
Quanno Monte Orseglio mette ju cappeglio,
vinni le crapi e compra ju manteglio,
quanno Monte Orseglio se cala le brache
vinni ju manteglio e compra le crapi
 
Quanno piove e tira vento cacciatore statte ventro
 
Quanno tira de faugnu prima rasu e dopo curmu
  
Quanno le moniche remasiru prene, 
allora misseru le ferrate
 
Quanno lo ranu se move cca poco vento tira
  
Quanno ju fattu successo, 
la casa piena de cunsigli
 
Quanno ju boe non vo' tir, avoglia tu a fischi
 
Quanno ju piru maturu casca senza turturu
 
Quanno ju culu spara ju medico crepa
  
Quannu ju treno fischia, vordi' che sta 'n partenza
  
Quanno ju fiume urla, sassi porta
 
Quanno so' troppi jalli a cant 
no' 'nse fa mai jorno
 
Quanno se va in montagna chi porta magna
 
Quanno ju zicu parla, ju rosso ha gi parlatu
 
Quelo che de notte se f, de jorno se vete
  

R Indice
 
Rappiccia sempre ju foco 
'n cima alla cene vecchia
   
Robba vecchia 'n mani agli fessa more
  

S Indice

  
Salute e fronne, 'isse la crapa 
    
Scampate dall'acqua e dagliu fco e dalle femmone d'Antrodoco
  
Scappa ome che esso la femmona
  
Se figlia alla jatta... 'chiappa ju sorge
 
Se a febbraru non febbrarea, marzu e abbrile lo reparea
   
Se fa sole a cannellora dagliu 'verno semo fora, 
ma se piove o tira vento agliu 'verno semo ventro
   
Se tutti gli aocegli cunuscissiru lo ranu...
       
Se presto vo' muri' sciacquate la coccia e va' a durmi'
  
Se 'o ved j'ome cazzo' fagli regge lo cotto'
  
Se 'na porta se chjiuve, se rrope 'nu port
  
Se rannuola 'ngima alla brina non acqua ma farina, 
se rannuola 'ngima alla foglia, de fiocc non ne te voglia 
  
Se piove a Santu Marco, tutte le prunga fa fiascu
   
Se piove agli quattro aprilanti, piove quaranta jorni contanti 
 
Se vo' che l'amicizia se mantenga, fa' che 'nu canestro v e unu venga
 
Se vo' pat le pene degliu 'nferno, 
passa a Foggia l'estate e a L'Aquila ju 'verno
 
Se te rindi cuntu de non sap, gi sa tantu
 
Se te se 'nfiamma ju core, 
ju ceroveglio te va 'n vapore
 
Se vo' esse sintitu, 'mparate a sintine
  
Se fosse bbono lo camp 'nzieme 
se 'nci pigliarria moglie
 
Se la 'mmidia fosse cacarella 
iarremmo tutti smerdati
  
Se S. Antonio 'o bene agli boi, la notte sirino e ju jorno piuvi
     
Se so accocchiati la lima e la raspa comme la secca e la male staggi
 
Solo le montagne non se rencuntranu
   
Sorge che non vedde mai camiscia 
quanno la vedde se ne fece 'na risa
 
Sparti nu palazzu e te remane nu cant
 
St meglio nu sorge tra ddu' jatti, 
che 'n' ammalatu tra ddu' medici
 
Se circhi 'mpicci novi, statte certo che gli truvi
 
Sotto alla ficora 'nci nasce ju ficurigliu


T Indice

 
Testa d'asinu non fu mai bianca 
   
Tira cchi nu piu de fica 'nsaglita che d bovi in discesa
 
Tra moglie e maritu no' se 'nci mette vitu
 
Tre so' gli fessa, quiju che tira la boccia e 'nganda la testa,
quiju che fa beie j'asinu e fischia,
e quiju che porta ju stennardu che fessa ddu 'ote
perch t pure pag

Trotto dasinu poco dura
 
Tu fa' comme ju jalle: canti e po' te nne scurdi

 

V Indice

   
Vajio a Roma pe laora' e prego Dio de non trova'
   
Vecchio che ddorme e giovene che non po' durm stau a curtu a mur
   
Vecchio che ddorme e giovene che non po' durm stau a curtu a mur
   
Ventro ju saccu se sente la nuci sbusciata
   
Ventro alla bisaccia 'e gli vecchi, 
'nci stu sempre bboni cunsigli


Pagina precedente

 

Stampa questa pagina